Hotel 5 stelle con Spa Lago di Garda
BOOK NOW
HOTEL SUL LAGO DI GARDA18444

HOTEL SUL LAGO DI GARDA

SPA Hotel 5 stelle

Richiesta Informazioni
PISCINA BORDO LAGO18442

PISCINA BORDO LAGO

Piscina con vista
sul Lago di Garda

Richiesta Informazioni
BEAUTY SPA18446

BEAUTY SPA

Dotata di ogni Comfort

Richiesta Informazioni


EnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish
translate



Location      Map      To See & To Do      To Visit


Location


Hotel Vista Lago
Splendido Bay si trova a Padenghe sul Garda e si affaccia direttamente sul Lago.
Un moderno ed elegante Hotel 5 stelle in una cornice incantevole, immerso nel verde e dotato di ogni confort che si rivolge ad una Clientela esigente che ama stare bene, senza compromessi.
La struttura soddisfa ogni tipo di richiesta con professionalità, sia per un week end romantico lontano dal caos cittadino, sia per una vacanza rilassante in famiglia curando con attenzione ogni dettaglio per offrire il massimo dei servizi durante il soggiorno.
La location è strutturata anche per organizzare cerimonie eleganti ed esclusive.
La posizione è strategica, a pochi minuti dal Coco Beach, il locale di punta della movida sul Garda.
Proprio davanti alla struttura è possibile prendere il bus cittadino e la stazione dei treni è accessibile in 5 minuti.
Inoltre Splendido Bay è facilmente raggiungibile in breve tempo dalle principali città del nord:
Venezia: 158 km in 1 h 40 min.
Verona : 47 km in 40 min.
Brescia: 35 km in 30 min.
Milano: 130 km in 1 h 30 min.

Map


Splendido Bay SPA Hotel
Via Marconi, 99 25080 Padenghe Sul Garda (BS)

To Visit


VITTORIALE

Il Vittoriale degli Italiani è un complesso di edifici, vie, piazze, giardini, corsi d'acqua e un teatro all'aperto, eretto tra il 1921 e il 1938, costruito a Gardone Riviera sulla sponda bresciana del lago di Garda da Gabriele d'Annunzio con l'aiuto dell'architetto Giancarlo Maroni.
Si estende per circa nove ettari sulle colline di Gardone Riviera in posizione panoramica, e domina il lago. L'ingresso accoglie il visitatore ed è costituito da una coppia di archi nel cui centro si trova una fontana che riporta in lettere bronzee un passo del Libro Segreto, ultima opera scritta da Gabriele d'Annunzio. A sormontare la fontana ci sono un timpano e una coppia di cornucopie con il famoso motto dannunziano "Io ho quel che ho donato". Dalle arcate d'ingresso si dirama un duplice percorso: il primo in leggera salita conduce alla Prioria, la casa-museo di Gabriele d'Annunzio, e salendo ancora alla nave militare Puglia e al Mausoleo degli Eroi con la tomba del poeta; il secondo conduce ai giardini, l'Arengo, e, attraverso una serie di terrazze verso il lago, si arriva al frutteto e alla limonaia.

SIRMIONE

Sirmione sorge sulla sponda lombarda del Lago di Garda e viene definito "la Perla del Garda" per la bellezza del paesaggio che la circonda e per l'armonia delle abitazioni, piazze e strade che hanno acquisito fascino ed armonia dai secoli passati.
È costruita su una lingua di terra lunga e stretta, che dalla strada la collega a Brescia e a Verona. Sirmione permette al turista che si ferma nei bei giardini che costeggiano la strada che porta al Vecchio Borgo, al Castello ed alle Grotte di Catullo, di vedere la Costa Veronese ad Est e la Costa Bresciana ad Ovest.

SALÒ

Posta sulla sponda bresciana a sud-ovest del Lago di Garda, Salò è il primo comune della Riviera dei Limoni.
Famosa per il clima mite del Lago di Garda, per l'originale vegetazione di ulivi, cipressi ed oleandri, è da tanti anni una località turistica di portata internazionale.
Sul bellissimo Lungolago, all'altezza dell'imbarcadero, si notano "Il Palazzo della Magnifica Patria" ed "il Palazzo del Podestà" che testimoniano la nobile storia della città.
I Palazzi oggi ospitano gli uffici comunali, dove nell'atrio si possono ammirare gli affreschi di Angelo Landi e, sotto il portico che collega i due palazzi, lapidi commemorative e antichi stemmi.
Salò è situata su uno splendido golfo ai piedi del monte S. Bartolomeo ed è la "capitale" dell'Alto Garda bresciano.
Non può mancare una visita alle monumentali chiese di Madonna del Rio e il Duomo di Sant'Annunziata.
Il centro storico, compreso tra la "Fossa", il lungolago e piazza Carmine, è un susseguirsi di vicoli, strade e piazzette con abitazioni signorili, ristoranti, bar ed eleganti negozi.

DESENZANO

Grosso centro agricolo ed industriale, oggi anche fortemente turistico, della zona sud occidentale dell'anfiteatro morenico del Lago di Garda, Desenzano è molto facile da raggiungere.
Il porto è stato luogo in prima linea della millenaria attività degli abitanti di questa cittadina, grandi commercianti di cereali e di granaglie.
Considerato il più importante mercato di grani della Lombardia, intorno alla piazza principale ed al porto erano stati costruiti ampi magazzini per l'ammasso delle granaglie.
Grande e fortificato era in grado di accogliere le imbarcazioni dei mercanti che dalla parte settentrionale della Riviera trasportavano a Desenzano olio, agrumi, vini, tessuti e attrezzi in ferro, ritornandosene alle terre di partenza con i navigli carichi di cereali.
La posizione di Desenzano nel Golfo più grande del Basso Garda, offre ai turisti spiagge curate ed molto organizzate con bar e chioschi aperti anche di sera, ristoranti, barche a noleggio, pedalò, lettini, cabine, ombrelloni, docce e moto d'acqua.

VERONA E L’ARENA

Nota per essere il luogo romantico della tragedia di Romeo e Giulietta Verona si è sviluppata progressivamente durante duemila anni, integrando elementi artistici di alta qualità dei diversi periodi che si sono succeduti, tra i quali si ricordano in particolare il governo della famiglia Della Scala tra i secoli XIII e XIV, e il dominio della repubblica di Venezia tra l'inizio del quattrocento e la fine del settecento; per la sua arte e architettura e per la sua struttura urbana, "eccellente esempio di città fortificata", Verona è stata dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.
L'Arena di Verona è un anfiteatro romano situato nel centro storico, uno dei grandi edifici che hanno caratterizzato l'architettura ludica romana ed è l'anfiteatro antico con il miglior grado di conservazione, grazie ai ripetuti restauri realizzati fin dal Seicento. D'estate ospita il celebre festival lirico e vi fanno tappa molti cantanti e musicisti internazionali.

VALTENESI DEL GARDA

La Valtenesi del Garda è un’area compresa tra il Lago di Garda e le colline moreniche in provincia di Brescia e comprende i comuni sul lago come Padenghe, Moniga, Manerba, San Felice del Benaco e quelli collinari come Puegnago del Garda, Soiano del Lago e Polpenazze.
Terra di vigneti e uliveti, la Valtenesi del Garda è disseminata di antichi borghi, castelli medievali, ville, torri e chiese che testimoniano un lungo ed importante corso storico di questa zona, di probabile fondazione ateniese, da cui deriverebbe il suo nome “Vallis Atheniensis” e che ha visto il passaggio di Romani, Scaligeri, Visconti, la dominazione della Repubblica di Venezia, degli Austriaci ed infine del Regno d’Italia.
I ritrovamenti archeologici della zona testimoniano la presenza dell’uomo sin dall’epoca delle palafitte.
I piccoli borghi nei secoli hanno conservato la caratteristica di centri votati all’agricoltura, con la produzione di eccellenti prodotti come olio extravergine d’oliva D.O.P. e specializzandosi con vigneti da cui si ricavano ottimi vini D.O.C. come il Groppello, il Garda Classico e il Chiaretto. Padenghe sul Garda, come altri paesi della Valtenesi, è dominato da un Castello, forse uno tra i meglio conservati della zona, situato su un colle dal quale si può ammirare una vista stupenda con Sirmione in primo piano.
L’edificio è stato costruito tra il IX e il X secolo al tempo delle invasioni ungariche, su antichi ruderi di epoca romana e poi ristrutturato nella forma attuale tra il XIII e XIV secolo. Anticamente era circondato da un fossato, completamento interrato nel 1959. All’interno si trovano le abitazioni poste su tre file parallele costruite probabilmente insieme alle mura.
Nel Medioevo il castello divenne una roccaforte ghibellina, contesa tra Brescia e Verona. Per molti anni Padenghe e il suo castello furono terra di conquista prima degli Scaligeri, poi dei Visconti o della Repubblica Veneta.
Da segnalare, Villa Barbieri, splendido palazzo in stile settecentesco, oggi sede del comune di Padenghe e la pieve di Sant’Emiliano, edificio romanico dell’anno 1145, situato su un rilievo collinare.
Nelle immediate vicinanze, inoltre, degno di nota è Castel Drugolo, costruito a fine trecento e restaurato nel 1934, oggi di proprietà del barone Lanni della Quara, a pianta quadrata con ponte levatoio e merlatura.
Manerba si presenta con il suo splendido Parco Naturale della Rocca, un interessante giardino botanico naturale con molti tipi di vegetazione, meta ideale per gli amanti della natura e del trekking.
Chi è interessato alla cultura e alla storia all’interno del parco troverà il Museo Archeologico della Valtenesi del Garda, che, con i reperti rinvenuti dagli scavi archeologici nell’area, testimonia la presenza umana fin dalla Preistoria.
Tra le bellezze naturali di Manerba ci sono le numerose spiagge che per quasi 12 chilometri offrono una varietà di prospettive del lago e della montagna.
Moniga è un altro centro suggestivo che sorge sul lago e nel cuore delle colline fra Desenzano e Salò.
Abitata sin dall’età del Bronzo antico, ha la tipica struttura medievale con una varietà di stradine e vicoli e con il Castello, sorto sulle rovine di un precedente sito romano.
Oltre alle belle spiagge e ai grandi uliveti, è nota anche per i vigneti attorno che producono il Chiaretto, apprezzatissimo vino rosato ottenuto dalle uve del vitigno Groppello.

WINE TOUR NEL TERRITORIO DEL GARDA

Nell’offerta ricettiva delle località rivierasche la tradizione vitivinicola occupa un posto importante e si caratterizza per l’ampia proposta di prodotti tipici del territorio, tra i più pregiati e apprezzati, oltre all’olio di oliva, spiccano i vini bresciani, trentini, e veronesi e le specialità gastronomiche a base di pesce e quelle a base di selvaggina.
Visitando le sponde del Lago di Garda dunque non solo è possibile fare una meravigliosa gita in barca ma anche degustare i migliori vini della regione e scoprire come abbinarli ai prodotti tradizionali, attraverso i numerosi wine tour tra le principali aziende vinicole del territorio.
Nelle cantine locali i visitatori vengono introdotti alle più diverse fasi della produzione vinicola e ricevono informazioni dettagliate su viticoltura, lavorazione dell'uva, produzione di vino, strumenti e imbottigliamento. Questo territorio è infatti il luogo perfetto anche per gli intenditori di vini che qui potranno godere dell'ampia selezione di vini eccellenti della classe speciale.
Grazie al clima adatto, vari tipi di uva spuntano e fioriscono intorno al lago italiano, creando successivamente un'ottima base per vari tipi di vino. Le estati calde e gli inverni miti sono buone condizioni per la produzione dell'uva.
Merlot, Nosiola, Carbernet e nella parte settentrionale del Lago il Vin Santo, vino da dessert.
Il Garda Classico Groppello proviene dalla zona di Valtenesi, mentre Lugana e Bardolino sono prodotti nelle zone meridionali del territorio. Esistono diverse strade del vino che conducono attraverso le regioni viticole e ti permettono di scoprire i sapori e i profumi di questa zona. In particolare ad est del lago si trova la regione vitivinicola della Valpolicella, dove la viticoltura è stata ospitata per oltre 2000 anni. La grandiosa tradizione vinicola è sostenuta anche dal rosso rubino, di fama mondiale “Bardolino” o dai vini della “Valpolicella” già menzionati. La regione vinicola della Valtenesi sulla sponda sud-occidentale del Lago di Garda tra Desenzano e Salò è particolarmente suggestiva e rigogliosa. Le fertili colline moreniche offrono condizioni uniche per vini di alta qualità, tra i quali il "Groppello", un vino rosso con un retrogusto leggermente amarognolo, ottenuto da uve Groppello.
Il "Rosso" scuro, miscelato da diversi vitigni, è adatto come vino fruttato per ogni tipo di occasione. Il "Chiaretto Rosato" come vino tradizionale del Lago di Garda ha anche un sapore leggermente fruttato a causa del breve contatto del mosto con la buccia e viene solitamente bevuto un anno dopo la produzione.
Il Garda è anche la culla del vino “Lugana”, un bianco delicato e saporito. La cantina Lugana è un esempio perfetto di come le tradizioni locali si combinano con le ultime tecnologie moderne. Nel 2000 è stata costruita qui una nuova cantina completamente attrezzata con la tecnologia più avanzata, ma i vini continuano a invecchiare nelle tradizionali botti di rovere francese.
Oltre alle degustazioni in cantina delle diverse varietà di vini è possibile fare lunghe passeggiate tra vigneti.
Infine, il "Garda Classico Bianco", pressato dall'uva Riesling Renano e dall'uva Canzoni, dovrebbe essere enfatizzato con il suo colore leggermente giallastro e la sua sottile fragranza nocciola.
Tutti questi vini di alta classe sono raggruppati sotto il nome "Garda classico D.O.C".

PASSEGGIATE, ESCURSIONI E SPORT NELL’ALTO LAGO

Il Lago di Garda e il suo territorio costituiscono un'area ideale per la pratica delle attività outdoor. Questa zona ha anche una valenza altissima da un punto di vista ambientale, paesaggistico e storico.
Già gli antichi romani apprezzarono il clima e i paesaggi del lago e sulle sue sponde costruirono delle meravigliose residenze. L'incanto del lago, nel 1787, ammaliò Goethe che scrisse del desiderio che provava, di fronte a tanta bellezza, di poterne condividere la vista con i suoi amici. Anche grazie a Goethe nella seconda metà del 1800 iniziò lo sviluppo del turismo che si consolidò nel secondo dopoguerra. Territorio, paesaggi, natura e storia, uniti a una lunga vocazione all'ospitalità, hanno reso quest’area una meta straordinaria e completa.
Il territorio che circonda il lago, che si estende fino alle Colline Moreniche e alle alte montagne che gli fanno da cornice, è il paradiso per gli appassionati di queste attività, non solo perché offre paesaggi mozzafiato e un'infinità di percorsi di tutti i tipi, ideali per passeggiate da brivido, con il Trekking e Nordic Walking, ma anche per il clima mediterraneo che permette in ogni stagione la pratica di questi sport e per la presenza capillare di rifugi e baite che offrono sempre una calorosa accoglienza.
Da sempre le Vie Ferrate e i sentieri attrezzati che si trovano intorno al lago sono conosciuti per l'insuperabile panoramicità, la grande varietà, dai percorsi base ai più difficili dell'intero arco alpino, e per la quantità di percorsi che si concentrano in pochi chilometri.
Per chi pratica l’Arrampicata Sportiva e Classica le pareti del Sarca o Rock Master sono la scelta ideale, le migliori falesie, da quelle per le famiglie a quelle per i campioni del 9b, numerosissime le vie sportive e quelle classiche, che ogni anno aumentano per la costante attività di apertura di nuovi tracciati.
Sulle montagne che circondano il Lago è possibile effettuare inoltre escursioni e sport invernali in un contesto ambientale alpino e con panorami unici, praticando Scialpinismo, Ciaspole ed Escursioni invernali oltre allo Sci Alpino e Sci di Fondo nelle stazioni sciistiche presenti anche nelle vallate collegate al territorio gardesano.
Per gli appassionati delle due ruote sono disponibili alcuni tra i più bei tracciati dedicati proprio attorno al lago, adatti a Mountain Bike e Bicicletta. Inoltre, grazie al clima favorevole sono praticabili tutte le attività balneari e gli sport acquatici; il Garda è conosciuto come una zona d'eccellenza per la pratica degli sport a Vela, del Windsurf, del Kitesurf e delle escursioni in canoa.

GITE IN BARCA SUL GARDA

Oltre ai numerosi sport acquatici da praticare sul lago le gite e le crociere in barca sono tra le attività più richieste dai visitatori del territorio gardesano. L’offerta degli itinerari in barca è ampia e propone una ricca gamma di alternative culturali e percorsi suggestivi tra più importanti porti del lago, mete storiche ed importanti siti di partenza. Dall'incantevole porto di Desenzano, a Sirmione dove oltre al castello si potranno ammirare le splendide Grotte di Catullo, la più ampia ed importante villa signorile romana dell'Italia Settentrionale, nonché le limpidissime acque che la circondano; da Peschiera, la città murata, dove il lago si fa fiume, il Mincio, sino a Lazise, col suo caratteristico porticciolo e la storica Dogana veneta, per poi salire verso Bardolino, tagliare sul golfo di Garda ed arrivare in uno dei posti più spettacolari: Punta San Vigilio; dalla bellissima baia delle sirene dove fare il bagno, ed il suo porticciolo; più a nord verso le Torri del Benaco, altro paesino caratteristico, per poi attraversare il lago fino alla sponda bresciana dove possiamo effettuare una sosta nelle suggestive Toscolano-Maderno e scendere fino a Gardone Riviera, famosa per il Vittoriale degli italiani, casa dell'importante scrittore Gabriele D'Annunzio; verso l'interno del golfo di Salò fino all'ampio e comodo porto, per una visita alla città che ebbe un ruolo rilevante durante la seconda GM per la storia italiana; fino alla magnifica Isola di Garda, conosciuta anche come Isola Borghese, residenza dei Borghese-Cavazza. L'isola ospita uno splendido palazzo, avvolto da una ricchissima e particolarissima flora. A sud troviamo una catena di scogli e bassi fondali, alla fine dei quali emerge l'isolotto di San Biagio, meglio conosciuto come Isola dei Conigli, ai piedi dell'imponente Rocca di Manerba.

MUSEO MARTES

Inaugurato nel 2018, il MarteS – Museo d’Arte Sorlini si trova a Calvagese della Riviera, la nuova e prestigiosa pinacoteca che arricchisce il patrimonio artistico del Lago di Garda e della provincia bresciana.
Vi sono conservate opere di grandissimo valore raccolte dall’imprenditore e appassionato d’arte Luciano Sorlini, ora interamente a disposizione del pubblico in un elegante palazzo seicentesco.
MarteS propone i grandi capolavori del Settecento veneto da Tiepolo a Canaletto.
Il museo vanta una ricca collezione dei migliori pittori veneziani del Settecento:
Tiepolo, Canaletto, Giovanni Bellini, Ricci, Guardi che dominano la scena con opere di assoluta importanza tra cui la Madonna di Giovanni Bellini e il Ciclo di 6 grandi teleri di Gianantonio Guardi.
La scuola veneziana è affiancata da grandi nomi lombardi tra cui il Pitocchetto, il Savoldo, il Bramantino e Palma Il Vecchio in un’incredibile testimonianza artistica oggi patrimonio pubblico per volere del suo stesso proprietario, Luciano Sorlini, imprenditore bresciano scomparso nel 2015.

GARDALAND

Situato sulle rive del Lago di Garda, il grande parco di Gardaland rappresenta da sempre un importante punto di riferimento per il divertimento di tutte le età per i visitatori italiani e stranieri.
Il Parco si trova a Castelnuovo del Garda tra Lazise e Peschiera a 20 km da Verona e si estende su un’area verde di 46 ettari con un’ampia e costante offerta sempre nuova di innumerevoli attrazioni e di vari villaggi a tema. Un grande impatto turistico su tutta la zona del più grande lago d’Italia.
Nasce dall’idea e dall’entusiasmo di un gruppo di imprenditori agli inizi degli anni ’70. Nel febbraio 1975 iniziano i lavori e il 19 luglio 1975 il parco apre con una superficie di 90.000 metri quadrati. La struttura stupisce tutti, adulti e bambini aprendo un mondo di favola tra le meraviglie di un territorio già ricco di cultura e bellezza.
I primi visitatori possono far correre la fantasia su 21 magnifiche attrazioni: L’Orologio Floreale, il Mini Zoo, il Trenino con la stazione, il Labirinto degli Specchi, il Villaggio a Fumetti e il Villaggio Western con il tiro a segno, il Giardino Roccioso con la Pagoda Cinese, la Miniera dei Nani e il Safari fotografico su canoe a motore, la Giostra Pony il Villaggio degli Indiani.
Il successo di Gardaland è istantaneo, il biglietto costa 1.750 lire e già dopo 30 giorni si raggiungono i 60.000 visitatori. Da allora il Parco viene costantemente ampliato aggiungendo sempre nuove e moderne attrazioni; tra il 1976 e il 1978 i visitatori crescono con un ritmo del 50% in più ogni anno fino a raggiungere 465 mila presenze solo nel 1978.
Gardaland è oggi il più grande parco divertimenti d’Italia e tra i maggiori in Europa, ed offre ai suoi ospiti innumerevoli spettacoli ogni giorno, il tutto immerso in una meravigliosa cornice verde decorata da fiori e aiuole curatissime con siepi dalle forme più strane che costituiscono già di per sé una particolare attrattiva.
Attrazioni uniche nel loro genere portano il visitatore alla scoperta di mondi lontani e fantastici come la misteriosa Valle dei Re, il Torneo dei Cavalieri Medievali, il Castello di Mago Merlino, il Galeone dei Corsari o un fantastico viaggio a bordo di gommoni tra templi orientali. La Valle dei Re, progettata esclusivamente per Gardaland riproduce fedelmente in scala 1:2 l’affascinante tempio di Abu Simbel in Egitto.
Programma dalla bellezza indiscussa lo spettacolo del Laser Show con pareti d’acqua alte fino a 15 metri nelle notti di Gardaland a luglio ed agosto. L’attrazione accompagna il visitatore in un percorso alla scoperta del tesoro del faraone tra effetti speciali e suggestive ambientazioni. Dal mondo arabo a quello inglese dell’epoca Tudor, a Gardaland basta percorrere qualche passo. Proprio all’interno del Villaggio inglese si trova l’attrazione dedicata ai Corsari, una delle più grandi del parco, dove a bordo di un battello si naviga tra nebbie tropicali e mostri marini alla scoperta di grotte incantate, nel bel mezzo di scontri a fuoco tra galeoni e fortini ispanici.
Percorrendo le Jungle Rapids è possibile scoprire le suggestive rovine di un antico tempio orientale a bordo di gommoni portati dai flutti di un impetuoso fiume, e per chi ama le emozioni forti il parco propone attrazioni mozzafiato solo per veri coraggiosi come Blue Tornado, Magic Mountains o Space Vertigo.
Da non perdere infine gli innumerevoli spettacoli realizzati da artisti provenienti da tutto il mondo, i grandi show di intrattenimento degli animatori presenti nel parco e l’entusiasmante spettacolo dei delfini all’interno di uno dei Delfinari più grandi d’Europa che fanno di Gardaland un luogo divertente ed insolito dove trascorrere giornate indimenticabili in un luogo di grande bellezza naturalistica.